Kyogoku Natsuhiko e lo Yokai Kyogen

bec5fd0b-sIl signore che vedete qui di fianco è Kyogoku Natsuhiko ed è uno dei più grandi scrittori di mistery in Giappone. Per chi volesse approfondire la conoscenza del maestro lascio la parola a wikipedia.

Potrei parlarvi molto di lui e della passione che ho per quest’uomo (…magari la prossima volta), ma ora invece vorrei approfondire certi aspetti di questo scrittore che interessano direttamente il progetto Italo Kyogen. Non è un segreto che il progetto Italo Kyogen preveda in repertorio alcune delle opere scritte proprio dal maestro Kyogoku. Infatti nella sua sconfinata produzione, il signor Kyogoku (al quale invidio l’eleganza…e non sono ironico) ha avuto anche il tempo di scrivere dei copioni kyogen, anzi per la precisione quelli che potremmo definire degli Yokai Kyogen, ovvero dei kyogen con delle creature sovrannaturali giapponesi come protagoniste.

51hn9h8wkal-_sx331_bo1204203200_Il libro che vedete qui di fianco, Kyogoku Banashi, oltre ad essere una rarità credo ormai fuori catalogo, contiene i copioni in questione, ma facciamo un passo indietro: perché gli yokai? Innanzitutto il legame del maestro Kyogoku con gli yokai, i mostri giapponesi, va oltre la semplice passione o ispirazione artistica e lui stesso si definisce un ricercatore di yokai e non nel senso di cacciatore (che poi, a ben pensarci, ci andrà pure a caccia di mostri…) ma nel senso scientifico della parola “ricercatore”. Questa predilezione in qualche modo è stata influenzata da Mizuki Shigeru, il decano sugli yokai. Anche qui per chi non lo conoscesse, e non conosca il suo GeGeGe no Kitaro (Kitaro dei cimiteri), prima di tutto “vergogna!”, e poi lascio la parola a wikipedia.

In secondo luogo perché credo che gli Yokai piacciano molto ai giapponesi, mio parere spassionato, basti pensare al recente Yokai Watch, e in ultima analisi: a chi non piacciono i mostri o le creature sovrannaturali? Anche noi occidentali, ogni lustro o anche meno tiriamo fuori il nostro bel Dracula nuovo fiammante (o sarebbe meglio dire “luccicante”).

tofuMa tornando a noi, a me piacciono molto gli yokai e spero che piacciano anche a voi perché questo post era anche per dirvi che finalmente la traduzione e l’adattamento del primo Yokai Kyogen targato Kyogoku sono terminati e siamo pronti per metterlo in scena!!!

Una precisazione: l’omino qui a fianco è Shigeyama Sennojo nei panni del Tofu Kozo. Il bimbo del Tofu è il soggetto del primo Yokai Kyogen adattato da Italo Kyogen. Viene da se che il bimbo del Tofu sia un mostro sovrannaturale giapponese. Torna tutto vero?

Non ricordo se l’ho già detto in qualche post precedente, ma gli Shinsaku Kyogen, i kyogen moderni di nuova produzione, raramente vengono replicati ed è quasi impossibile che entrino nel repertorio delle famiglie Kyogen. Bene, Tofu Kozo è nel repertorio degli Shigeyama. Vi basti questo per capire quanto sia divertente e comunque, io che l’ho adattato mi sono divertito tantissimo e non vedo l’ora di metterlo in scena e di farvelo vedere ^^!

P.s.: vi saluto con una splendida foto che ritrae entrambi: il Maestro Mizuki e il Maestro Kyogoku (…ma lo vedete che kimono fantastico! Screziato di rosso sangue!! ^^)

2013_oosaka_014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...